Crea sito

Per una scuola migliore e che piaccia agli studenti, targata Msac

 

La Mo.Ca è l’evento con cui il Movimento Studenti di Azione Cattolica sceglie di mettere in discussione il sistema d’istruzione italiano e ha l’obiettivo di fare da “cantiere” per le proposte e le idee da portare nelle sedi istituzionali. L’evento per quest’anno è stato organizzato a Morlupo (RM) dal 2 al 4 Novembre e dalla diocesi di Cosenza-Bisignano siamo partiti in 3, io che sono Luca, Matteo e Saverio. Sin dall’inizio pensavamo di partire ma non di arrivare a destinazione, ma dopo aver preso un pullman a Cosenza, due metro a Roma e il treno per Morlupo siamo arrivati. Il titolo di questo campo era “E TU DOMANDA – per una scuola che ci aiutare a pensare” e l’obiettivo quello di costruire una scuola che ci insegna a pensare, una scuola in cui vogliamo porre e porci domande sulla realtà. I temi principali sono stati: dispersione, valutazione e autonomia.
Il primo giorno abbiamo riflettuto sulla dispersione scolastica, domandandoci come mai i banchi delle nostre scuole siano vuoti, ma prima abbiamo salutato i nostri amici di tutta l’Italia che aspettavamo di rivedere con ansia dal campo nazionale di quest’estate. Dopo l’introduzione dei segretari e la presentazione della fantastica equipe nazionale abbiamo riflettuto e dialogato sulla dispersione con il presidente dell’associazione “Maestri di Strada”, Cesare Moreno, e con la professoressa di pedagogia e curatrice del rapporto della commissione cultura sul tema della dispersione nella XVII legislatura, Milena Santerini. Innanzitutto abbiamo capito chi sono i 432 mila ragazzi che, a loro tempo, hanno perso la via della scuola e insieme ci siamo domandati di chi fosse la colpa del loro allontanamento e come noi studenti msacchini e attivi possiamo fare per evitare ciò. A fine giornata siamo andati a cenare sperando che il cuoco fosse bravo, ma prima dovevamo finire di salutare i nostri amici, ma soprattutto i segretari e il nuovo assistente nazionale. Dopo aver cenato e chiacchierato a tavola, abbiamo sistemato le stanze e, anche se non ne avevamo così tanta voglia, siamo subito scesi in cappella per fare la preghiera dello studente; è il momento più amato da Saverio, dopo la messa della domenica durante la quale si è addormentato. E per chiudere bene la giornata siamo scesi in giardino per umiliare a biliardino l’intera Italia e alle 11.00 tutti a letto, ma nella stanza sbagliata.
Secondo giorno, sveglia presto per me, caffè per riprendersi, lodi e subito pronti ad ascoltare la presidente dell’istituto Invalsi, Anna Maria Ajello, il dirigente del Miur dell’UST di Brescia, Giuseppe Bonelli, e l’avvocato e componente del gruppo di lavoro Miur sulla partecipazione studentesca, Cinzia Olivieri. L’attività è andata avanti fino al pomeriggio, dopo che noi ragazzi abbiamo scelto in quale sottogruppo e con quale ospite dialogare. Il mio gruppo era quello della valutazione, per Saverio autonomia e per Matteo alternanza scuola lavoro. Da veri studenti abbiamo studiato alcuni articoli su questi 3 ambiti per poi chiedere chiarimenti alla presidente delle Invalsi e infine, insieme ad altri ragazzi, individuare i punti di forza, i punti di debolezza e la modalità per proporli al ministro Bussetti; il 6 Novembre ci sarebbe stato l’incontro del ministro insieme alle altre associazioni studentesche. Abbiamo reciprocamente condiviso il nostro lavoro tra i vari sottogruppi e ci siamo riuniti nuovamente per terminare il lavoro. Eravamo poi pronti per cenare, soprattutto io, e pronti scherzare con i ragazzi della Puglia perché che avevano organizzato un tavolo tutto per loro. Dopo la cena c’è stata la serata ‘msacchina’, un giro d’Italia dove ad ogni luogo importante era assegnata una prova da superare, è stata una serata esilarante. Anche questa seconda notte a letto presto, purtroppo senza vedere il sole sorgere, ma vedendo l’equipe che ci veniva a sgridare per aver fatto tardi. In fondo erano solo le 5 e dovevamo fare ancora la valigia.
La mattina successiva, ancora più addormentati, siamo scesi tardi a fare colazione, caffè veloce e cornetto in Chiesa, pronti per la messa (tutti tranne Saverio). L’attività della mattina è stata molto leggera e suddivisa in regioni, qui abbiamo parlato dei vari organi collegiali, swipe up e come restare collegati durante l’anno con l’equipe e con i ragazzi di tutta Italia. Qui è arrivato il brutto perché siamo stati costretti a salutare tutti per ritornare ognuno nelle propria diocesi, a testimoniare e soprattutto a concretizzare tutte le parole dette al campo. Con alcuni ci siamo salutati subito con altri ci siamo concessi un bel giro alla fontana di Trevi e a Piazza di Spagna, ma purtroppo quel momento doveva arrivare ed è arrivato. Alle ore 17:45 pronti per risalire, tristi ma carichi, sul pullman. Qquesta esperienza non poteva finire così bene, infatti il pullman ha fatto 45 minuti di ritardo.
Vi lascio dicendo una cosa: 8-10 marzo, Montesilvano, 1500 ragazzi, SFS scuola di formazione per studenti. Non fatevelo raccontare!

Luca Cuconato

0 0 vote
Article Rating

Author: scorzate

Share This Post On
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
Vai alla barra degli strumenti